Il duca bianco, e poi?

 La leggenda, la morte.
La scomparsa dal mondo reale, il passaggio nella storia.

Le lacrime distanti, di che in lontananza vedeva la sua luce. La disperazione di chi l’ha accompagnato nel sonno infinito.

Di chi di una canzone ha fatto una poesia. Di chi ha fatto di una frase uno stile di vita. Di quegli eroi che eroi non sono. Di quelli che un giorno si svegliano e pensano alla vita su Marte. Di chi oggi sente il vuoto del giorno dopo.

Poi un disco che suona. Il potere della musica, la rinascita.

Lazzaro si alza, cammina tra la gente.

La morte cancella il corpo.

La musica è immortale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...